Chi sono


radu-tango-dj-con-cuffie

Ho incontrato il tango sin dall’infanzia. Lo si poteva ascoltare fuori dai ristoranti, ognuno dei quali aveva una propria orchestra in grado di suonarlo.

Nelle vacanze che passavo dagli zii ogni estate mi piaceva ascoltare un paio di vinili con vecchi brani di tango romeni.

Poi, per molto tempo, ci siamo persi di vista. Ci siamo ritrovati a Modena, in Italia, grazie ad un volantino fatto  in casa che pubblicizzava corsi per principianti.

Da allora non ci siamo mai più lasciati. Ho imparato un po’ a ballarlo, un po’ ad insegnarlo ed un po’ a musicalizzarlo nelle milonghe.

Se dovessi scegliere, credo che preferirei ancora la pista alla consolle. Credo che le sensazioni che si provano in pista, dentro un abbraccio, siano ineguagliabili. Tuttavia, gestire l’energia di decine o centinaia di persone felici di sognare sulle mie selezioni è sempre una bellissima sensazione.